Reale Virtuale

Torino // 30.10.2019 - 10.04.2020

Gagliardi e Domke annuncia:
“Reale Virtuale”

La prima mostra della collezione Gagliardi con lavori di:
Piero Fogliati, Glaser/Kunz, Davide Coltro, Giuliana Cunèaz, Margot Quan Knight,
Paola Risoli, Piero Gilardi, i Santissimi e Fabio Viale.
30.10.2019 – 10.4.2020
Dal 30.10.19 al 3.11.19 la galleria sarà aperta al pubblico dalle 9,30 alle 19.30.
Inaugurazione: 2.11.19 | 18.00 – 22.00
In occasione della notte delle arti contemporanee

REALE VIRTUALE è un titolo preso a prestito da un’opera di Piero Fogliati, artista torinese la cui ricerca si può dire che abbia influenzato non poco la progressiva formazione della collezione Gagliardi. Collezione nata sull’operatività della galleria GAS (Gagliardi Art System) a partire dal 2003 – con qualche rara eccezione di opere collezionate a partire dal 1968, quando Pietro Gagliardi era immerso nell’attività di pubblicitario -. Proprio nel 2003, alla prima mostra della galleria con un solo show di Ennio Bertrand ci fu l’incontro con Piero Fogliati e, conversando con lui, si aggiunse alla curiosità di Pietro per la forma, la sostanza, la narrazione, la tecnologia digitale – tutti elementi presi a prestito dalla pubblicità – la passione per il fantastico che doveva aver mosso Fogliati ad abbandonare la tavolozza e ad usare un tornio per realizzare l’altrimenti irrealizzabile.
Niente a che fare con Henry Potter. Fantastico nel senso di tutto quel che la mente umana riesce ad immaginare e si sforza di trasferire in macchine o a fissare in sculture. Fantastico nel senso che puoi ricorrere al virtuale per dare forma e consistenza a una visione o ad un’utopia. Fantastico perchè con gli strumenti dell’inganno, con la luce, con i video, con una manualità sopraffina, puoi dar vita a opere che travalicano il reale. Possiamo quindi definire certe opere iperrealiste? Sembrerebbe una definizione fredda, riduttiva, priva del contenuto di sorpresa e senza l’afflato della poesia che caratterizzano molti dei lavori via via entrati in collezione.
E senza il gioco a cui spesso l’artista tende, prendendo per mano lo spettatore – si tratta proprio di spettacolo in certi casi – trascinandolo a proprio piacere in un vortice di sensazioni anche sconcertanti: “sarà vera scultura?” “saranno veri performer?” “sarà vera gomma?” “sarà uno tsunami vero?” “saranno opere rubate ad un museo di storia naturale?”. La risposta è indifferentemente sì oppure no, oramai siete entrati nel gioco e potete avvolgervi nella spirale che si dipana attorno a due parole magiche: REALE e VIRTUALE. Buona Visione.
gagliardi collection